Virus. E’ arrivato il momento dell’audacia

di A. Baricco, in Repubblica del 26 marzo 2020

Devo averla già raccontata, ma è il momento di ripeterla. Viene da un bel romanzo svedese. C’è la regina che decide di imparare ad andare a cavallo. Monta in sella. Poi chiede sprezzante al maestro d’equitazione se ci sono delle regole. Ed ecco cosa risponde lui: «Prima regola, prudenza. Seconda, audacia » … (per leggere l’articolo clicca su download)

La Risurrezione in giorni di angosce e di morte

di M. Perroni, in Il Regno delle donne del 28 marzo 2020

La Pasqua si avvicina, ma il calendario liturgico e quello dell’epidemia sono diversi: i rigori e il tempo sospeso di una quaresima che ha preso il volto della quarantena continueranno. Allora, quale segno per noi? Il segno di Giona … (per leggere l’articolo clicca su download)

Siamo in cura, non in guerra

di G. Dotti, monaco di Bose

No, non mi rassegno. Questa non è una guerra, noi non siamo in guerra. Da quando la narrazione predominante della situazione italiana e mondiale di fronte alla pandemia ha assunto la terminologia della guerra – cioè da subito dopo il precipitare della situazione sanitaria in un determinato paese – cerco una metafora diversa … (per leggere l’articolo clicca su download)

Gli effetti sociali del Covid-19 e le politiche necessarie

a cura dell’Osservatorio sulle disuguaglianze, Verona

Il Coronavirus non è “a livella” di Totò. Il Coronavirus colpisce tutti e non fa distinzioni: muoiono l’architetto famoso e la vecchietta in casa di riposo, l’operatore del 118 e la commessa del supermercato. Ma i suoi effetti non sono uguali per tutti …. (per leggere l’articolo clicca su download)

Coronavirus: la luce in fondo al tunnel

di M. Castiglioni e G. Della Zuanna

Ieri Gianpiero Dalla Zuanna ha affermato (assieme ad altri studiosi) che
nei giorni scorsi è stato superato il “picco” dell’epidemia di Covid-19,
mentre altri ricercatori affermano che verrà superato nei prossimi
giorni. In realtà le due posizioni non sono in contrasto fra loro,
perché si riferiscono a due concetti diversi.
Se guardiamo all’INCIDENZA (nuovi casi giornalieri) il picco dovrebbe
essere stato superato. Ciò significa che il numero di nuovi ammalati,
giorno dopo giorno, sta diminuendo, in Italia come nel Veneto.
Se guardiamo invece alla PREVALENZA (numero totale di ammalati) il picco
non è stato ancora raggiunto. Verrà superato solo il giorno in cui il
numero dei nuovi casi sarà inferiore alla somma fra i guariti e i
deceduti. Dovremmo arrivarci fra poco, perché i guariti stanno
aumentando, e i nuovi casi diminuendo. Ma dobbiamo essere bravi!
(per leggere l’articolo clicca su download)