Il confine violato

di Paolo Giordano

“Corriere della Sera”, 11 maggio 2020

Dopo essere stati per settimane in rispettoso ascolto degli esperti, dopo le abbuffate di virologia e immunologia ed epidemiologia, il nostro atteggiamento inizia a cambiare. Mentre noi andiamo avanti, gli scienziati restano indietro e continuano a ripeterci le stesse cose. Continuano, in sostanza, a dirci no no no.

Così la scienza si rivela una volta in più per quel che è: un’interdizione al nostro desiderio. L’insofferenza che ci suscita si traduce in una svalutazione sommaria: «e poi, parliamoci chiaro, neppure gli scienziati ci hanno capito granché».

È vero, gli scienziati non sanno. I fisici, esperti della materia, ammettono candidamente di non sapere di cosa è fatto il 95% dell’universo. I biotecnologi, esperti di Dna, non sanno a cosa serve più della metà del nostro genoma, o addirittura se serve. E i virologi, ora così in auge, sono messi ancora peggio, perché non sanno nemmeno la percentuale di quello che non conoscono: hanno censito qualche migliaio di virus, ma i virus sul pianeta potrebbero essere miliardi. Non solo è enorme ciò che non sappiamo: è enorme ciò che non sappiamo di non sapere. Ma quell’enormità è proprio la sorgente di vertigine che porta i giovani scienziati alla loro vocazione, e quella vocazione a non estinguersi.

Da quando la pandemia ci ha investito, l’umanità intera vive in un limbo della conoscenza, dove gli indizi non sono prove, dove le cure sono «promettenti» ma non adeguatamente sperimentate, dove gli articoli sul Covid sono pre-print ancora in attesa di validazione. È una condizione esistenziale tipica per gli scienziati, ma alla quale noi non siamo abituati. E non ci piace nemmeno un po’. Così come non ci piace che quegli scienziati farciscano tutte le loro risposte di prudenza: «è ancora presto per», «dobbiamo aspettare che», «ci vorrà tempo prima di», «non sappiamo, non sappiamo, non sappiamo».

Eppure, con un po’ di lucidità in più e un po’ di paura in meno, sapremmo riconoscere le loro schermaglie come l’elemento politico più nuovo e dirompente di questa crisi. In un’epoca dominata dall’assertività gli scienziati hanno riportato il dubbio al centro del discorso, hanno cercato di rispondere alle domande senza ricorrere a slogan, piuttosto con altre domande, e hanno riscoperto per noi la categoria proibita del non-sapere. Si parla tanto dei cambiamenti che saremo in grado o no di fare nel mondo post-Covid che verrà. Bene, eccone uno particolarmente importante: mantenere viva questa tensione verso ciò che non conosciamo. Esiste un modo di educare al nonsapere? D’insegnarlo già ai bambini, sovvertendo il principio dominante che la conoscenza sia un corpo statico di nozioni di cui appropriarsi pezzo a pezzo? Non ne ho idea, ma varrebbe la pena di rifletterci, anche in vista del rientro a scuola.

Se di qualcosa vanno rimproverati gli scienziati non è certo di non-sapere o di trovarsi in disaccordo, semmai del contrario: di non essere stati abbastanza inflessibili, a volte, nel difendere il confine tra sapere e non-sapere. Di essersi lasciati in parte infettare dal bisogno mediatico di «dare speranza». Stremati dalle richieste di rassicurazione, in molti hanno finito per dire quel che la gente voleva sentirsi dire: «sì, arriverà di sicuro il vaccino»; «sì, quella cura funziona alla grande»; «sì, il virus è più debole dell’inizio»; «sì, il caldo ci aiuterà». Sì, andrà tutto bene.

La compiacenza è la deriva peggiore della politica contemporanea, ma ognuno di noi comprende come sia, in una certa misura, ineliminabile dalla politica stessa. Per uno scienziato la compiacenza è invece un peccato capitale. Come lo è ostentare certezze di cui manca ancora la prova, per quanto si tratti di certezze «oneste», corroborate da osservazioni personali ed esperienza e istinto.

Il governo viene ora accusato da più parti di un atteggiamento paternalistico nei nostri confronti. Non saprei dirlo. Ma è indubbio che il paternalismo ha caratterizzato la comunicazione scientifica fin dall’inizio della pandemia. Il fatto stesso che l’esposizione dei dati sia stata affidata a un organo non scientifico come la Protezione civile dice molto. Così come dice molto l’impalpabilità del Comitato Tecnico Scientifico, mai portato a spiegare in maniera esaustiva e diretta ai cittadini la solidità delle ragioni dietro questa o quella norma, anche quando le norme — distanziare di tot i tavoli dei ristoranti, non aprire le scuole fino a settembre, sanificare i vestiti nei camerini — hanno ripercussioni gravissime sulle nostre vite.

Nei giorni peggiori ci veniva detto: «aumentano i ricoveri e i decessi, ma aumentano anche i guariti». Come se i guariti, per qualche strana inversione del principio di causalità, potessero anche diminuire. Come se il loro numero potesse smorzare la gravità degli altri dati. Non aveva senso, ma se faceva stare più tranquilla la gente, meglio dirlo.

Oppure il famigerato R0, il coefficiente che si è piantato di traverso fra noi e i nostri progetti. Ne parlano tutti. Ma nessuno si è preso la briga, per esempio, di spiegare che parlare di R0 non è più così corretto, che R0 descrive la propagazione del contagio in una popolazione inconsapevole, che non adotta misure, com’eravamo noi a metà febbraio, mentre adesso dovremmo parlare di Rt, di tasso di riproduzione «effettivo», o semplicemente di R. Perché non chiarirlo? E perché non chiarire che per calcolare decentemente R servono flussi di dati costanti e «puliti», cioè corretti dal punto di vista temporale, diversi da quelli della Protezione civile? Perché non spiegare che R è associato a un’incertezza tanto più grande quanti meno sono i casi? Ma no, quelli sono misteri per iniziati. Potrai spostarti di regione quando R sarà inferiore a 0,2. Tanto deve bastarti. (E intanto, ieri in Germania, R veniva stimato di nuovo sopra soglia, a 1,1).

La reticenza è stata una costante del nostro rapporto con gli organi decisionali nel corso dell’epidemia. E le mascherine sono state la foglia di fico per nascondere tutto quello che non veniva detto. Peggio: sono state il tessuto non tessuto per coprire tutto quello che non veniva fatto, o comunque non in tempo. Se consideriamo la frase sibillina che compare nel documento del Comitato Tecnico Scientifico che regola la fase 2: «ci sono però delle incertezze sul valore dell’efficacia dell’uso di mascherine per la popolazione generale dovute a una limitata evidenza scientifica, sebbene le stesse siano ampiamente consigliate»; se mettiamo questa frase in relazione alla quantità di parole spese proprio sulle mascherine, abbiamo forse la stima di quanto gran parte del dibattito sia stato divertito, se non sull’irrilevante, almeno sul non-proprio-rilevante.

Le «comprovate necessità» per affrontare la riapertura erano altre, ma hanno avuto molta meno attenzione: un esercito di tracciatori in carne e ossa, in grado di ricostruire i contatti dei nuovi positivi, nonché di garantire il follow-up dei soggetti in quarantena, la possibilità di isolare i casi in luoghi separati dal nucleo famigliare e di testare tempestivamente qualunque nuovo sospetto. Se n’è parlato, certo, se ne parla ancora, ma mai come delle mascherine. Delle mascherine parliamo molto più volentieri, perché sono più facili. E loro, gli organi decisionali, lasciano che ne parliamo, perché così diventa più facile anche per loro.

«No, aspetti ancora un momento, ascolti ancora solo questa preghiera: dovunque Lei vada, sia sempre consapevole di una cosa, e cioè che qui Lei è nell’ignoranza più totale, e sia prudente». È ciò che l’ostessa dice all’agrimensore K. nel Castello di Kafka, l’agrimensore K. che non capisce nulla di quel che deve fare o lo circonda, perché tutto quel che riguarda il Castello è concepito affinché lui non lo capisca. Sembra l’invito che viene fatto a tutti noi nella fase 2. Separa i tavoli, aspetta che R si abbassi, qualunque cosa sia, per il resto lascia fare a noi. Quando sarai grande capirai.

Ah, e se esci, non dimenticarti la mascherina.

Dopo la pandemia: tendenze probabili e scelte necessarie

di G. Formigoni

https://www.c3dem.it/dopo-la-pandemia-tendenze-probabili-e-sceltenecessarie/ , 14 Aprile 2020

Dal punto di vista della coscienza storica, non è facile prospettarsi cosa cambierà nel mondo e in Italia dopo che – speriamo al più presto – questa drammatica emergenza sanitaria sarà finita. La storia non si ripete mai, infatti, e gli esseri umani reagiscono in modo straordinariamente creativo alle sfide del tempo che cambia. Hanno una capacità di adattamento agli eventi, che è sempre anche innovazione e originale ricerca. Una cosa a me sembra però piuttosto certa: già cogliere il senso della storia recente ci rende edotti del fatto che l’emergenza favorirà alcune tendenze prevalenti, ma non certo delle piste obbligate. Anzi, per dirla meglio, ogni linea di sviluppo dominante presenterà prima o poi delle opzioni tra cui scegliere.

Proviamo a raccontarla così. Ci sarà indubbiamente la tendenza a chiedere più intervento del pubblico potere. Qualcuno già prefigura un’epoca del ritorno dello Stato, dopo gli anni della crisi della politica e delle istituzioni, delegittimati a favore della spontaneità brillante dell’economia e della società. Vi ricordate il grande insistere sulla «governance» come processo semi-spontaneo di adeguamento progressivo dei modelli e delle regole sociali? Tornerà probabilmente il tempo del «government», con le sue precise attribuzioni di poteri e responsabilità. Sicuramente un bisogno di protezione rafforzerà questa logica, che non era peraltro assente almeno dai tempi della crisi finanziaria del 2008, in anni di tendenze economiche incerte e di instabilità dei mercati. Tornerà a essere quindi comprensibile l’impegno pubblico forte nella sanità – con le necessarie spese – in un paese come l’Italia, che per certi versi era all’avanguardia di un modello di sanità pubblica finanziata dal sistema fiscale, ma dove si era messa negli ultimi decenni a dura prova la tenuta del sistema, con limiti e tagli (a volte collegati a un curioso favore per un modello privato non privo di elementi speculativi). Ma è già da ora possibile identificare un’alternativa che si presenterà: da una parte, si enfatizzerà la difesa dell’identità statuale e nazionale come autosufficiente e totalizzante, nella logica ristretta e un po’ propagandistica dei sovranismi di turno. Dall’altra, ci dovrà essere un ripensamento della statualità come modello istituzionale necessario, capace però di tenere finalmente insieme e di combinare i livelli di gestione dei problemi comuni tra enti locali, stati nazionali e quell’indispensabile quanto fragile ambito di responsabilità comune che chiamiamo Unione Europea. Che a certe dimensioni del problema – di fronte ai giganti del mondo – sarebbe l’unica risposta davvero adeguata alle esigenze di governo.

Ci sarà altrettanto certamente la tendenza a ripensare la globalizzazione, come stagione di apertura e di integrazione del mondo, delle economie e delle società. Anche qui non è che tutto sia nuovo: la stagione della confidente fiducia che la spontanea dinamica dell’unificazione dei mercati mondiali risolvesse tutti i problemi è alle nostre spalle già da tempo: i fantasmi delle guerre commerciali erano iniziati a manifestarsi prima del Covid. È immaginabile un ulteriore colpo della crisi sanitaria nel mettere in discussione i movimenti delle persone, lo scambio generalizzato di beni, le catene di forniture estremamente spezzettate, le raffinate ma prolungate e complicate reti logistiche e di trasporto, le convenienze del vorticoso girar di denari. Tornerà forse di moda la produzione locale, la rete breve, il «piccolo è bello», il «km zero». Ma non è difficile vedere la sfida aperta dietro queste tendenze: se qualcuno intenderà la critica alla globalizzazione come chiusura nel proprio «piccolo mondo», con misure che tengano lontani i «nemici» e i pericoli e si ispirino alla logica del «prima noialtri», credo non abbia capito la lezione della pervasività del virus. Che passa bellamente le frontiere e quindi chiede invece un rafforzamento dei legami tra i diversi, una solidarietà attiva tra parti del mondo rispetto alle emergenze, una circolazione maggiore dei saperi e delle competenze nella comunità scientifica ma anche nella comunicazione pubblica, uno sviluppo del tessuto istituzionale di cooperazione tra le nazioni. Tutto il contrario di una de-globalizzazione grezza e semplicistica. Una globalizzazione 2.0, rivista e aggiornata, magari. Ci sarà poi con molta probabilità la tendenza a inventarsi e diffondere maggiori controlli sociali e tecnici. Stiamo sperimentando limitazioni fino a ieri impensabili del nostro individualistico modo di vivere, in nome della sicurezza e della salute, del corretto distanziamento sociale e della prevenzione del contagio. Non basta quello che già è in corso: ogni giorno appaiono ipotesi e notizie nuove. Braccialetti, app, tracciamenti di dati, controlli di connessioni internet, fino all’ipotesi di monitoraggi continui della salute di ciascuno di noi, centralizzati e gestiti dalle autorità. C’è già in atto uno scambio enorme tra privacy e sicurezza. Non del tutto nuovo nemmeno qui: prima lo scambio generalizzato era tra privacy e servizi tecnologici gratuiti o quasi. Già c’erano alcuni critici di questo meccanismo ineguale, mentre molti sottovalutavano il problema.

A me pare che le prospettive non possono che diventare più delicate, in questa materia. Eppure, non è difficile intravedere un bivio che si porrà anche su questo sfondo di problemi: da una parte si profila una società integrata sostanzialmente autoritaria e fondata sui controlli e la punizione della devianza. Dall’altra, un sovrappiù di responsabilità personale e collettiva, che permetta di coordinare la libertà delle persone con l’attenzione prudente ai comportamenti e alle pratiche di vita. Il confine è forse non chiaramente definito, ma mi pare degno di una riflessione collettiva.

Ci sarà infine la tendenza a ripensare i modelli di vita sulla base della coscienza nuova della propria vulnerabilità. Qui andiamo alle radici della vita e del significato simbolico di noi esseri umani. Forse la lezione più profonda di queste angosciose settimane è che ha dei limiti profondi il nostro universo mentale di uomini e donne moderni e quindi emancipati, che non pensano più a nessun condizionamento soprannaturale e nemmeno a nessuna dipendenza dall’ambiente esteriore. Il nostro stile di vita allegramente basato sulla pretesa di controllo degli avvenimenti, della natura, delle opportunità, si è scontrato con la durezza di un evento che ha mostrato quanto poco siamo padroni del nostro contesto e del nostro futuro. Di fronte a una perturbazione imprevista della natura, ci riscopriamo radicalmente vulnerabili. Qui sta però anche la scommessa e ancora una volta una divaricazione possibile. C’è un crinale sottile ma decisivo. Una modalità di reazione a questa nuova coscienza è il pessimismo antropologico, con la connessa caduta in una spirale di autocommiserazione e di passività, che favorirà magari il rivendicazionismo e il vittimismo. Temo che sarà possibile una situazione anche psicologicamente delicata per molte persone alla fine di questa emergenza. Dall’altra parte sta la risposta adulta e consapevole alla sfida: siamo tutte e tutti figlie e figli. Non ci siamo dati la vita da soli. Ma tale acuta coscienza del nostro limite è anche il luogo dove poter riscoprire la relazione tra sorelle e fratelli, per costruire nella comunità, in modo più umile e grato, un destino che resta per qualità e consistenza in gran parte affidato alle nostre pur fragili mani.

La scuola che verrà. Prospettive e desideri.

Giovedì 11 giugno, ore 18.00 – 19.30

con: Mariapia Veladiano e Michele Visentin

su piattaforma Zoom

La scuola è stato l’ambito sicuramente più colpito dalle misura di contrasto al virus; le scuole sono state le prime a chiudere e non hanno ancora riaperto. La chiusura ha evidenziato alcune criticità che dovranno essere superate nel momento del riavvio, ma ha anche mostrato alcune risorse che andranno valorizzate anche nel futuro.

Istruzione per la partecipazione:

Su ZOOM: per registrarsi è sufficiente cliccare su questo link e compilare il modulo: https://us02web.zoom.us/webinar/register/WN_IFamrtjwS1SV6Ik-zgIiIA.
Riceverete una mail di risposta all’atto dell’iscrizione, un’altra vi ricorderà l’evento il giorno prima dello stesso ed un’ultima un’ora prima. Per entrare nel meeting dovrete cliccare sul link “click here to join”, alle 18 del giorno 11 sarete ammessi “nella stanza” (chi arriva prima deve attendere).

Sulla pagina Facebook “Forum di Limena” potrete seguire l’evento in diretta; vi invitiamo a visitare la pagina e a cliccare su “Mi piace” o “Seguo” per rimanere sempre aggiornati sulle nostre attività. Sulla pagina sarà possibile rivedere l’evento anche nei giorni successivi.

Coloro che non hanno Facebook potranno collegarsi a:  https://www.facebook.com/forumlimena/live

Virus. E’ arrivato il momento dell’audacia

di A. Baricco, in Repubblica del 26 marzo 2020

Devo averla già raccontata, ma è il momento di ripeterla. Viene da un bel romanzo svedese. C’è la regina che decide di imparare ad andare a cavallo. Monta in sella. Poi chiede sprezzante al maestro d’equitazione se ci sono delle regole. Ed ecco cosa risponde lui: «Prima regola, prudenza. Seconda, audacia » … (per leggere l’articolo clicca su download)

La Risurrezione in giorni di angosce e di morte

di M. Perroni, in Il Regno delle donne del 28 marzo 2020

La Pasqua si avvicina, ma il calendario liturgico e quello dell’epidemia sono diversi: i rigori e il tempo sospeso di una quaresima che ha preso il volto della quarantena continueranno. Allora, quale segno per noi? Il segno di Giona … (per leggere l’articolo clicca su download)

Siamo in cura, non in guerra

di G. Dotti, monaco di Bose

No, non mi rassegno. Questa non è una guerra, noi non siamo in guerra. Da quando la narrazione predominante della situazione italiana e mondiale di fronte alla pandemia ha assunto la terminologia della guerra – cioè da subito dopo il precipitare della situazione sanitaria in un determinato paese – cerco una metafora diversa … (per leggere l’articolo clicca su download)